Dall’integrazione una opportunità per la Medicina Generale